Anche se sono furlani…

17 maggio 2010

…beh, devo dire: bravi, bravi davvero!

Secondo me Calderoli sta architettando qualcosa.

E ne sono decisamente soddisfatto.

Fin troppa

4 maggio 2010

Al GR2 delle 19:30 di oggi, sento Berlusconi lamentarsi del fatto che l’Italia sia stata classificata da Freedom House fra i paesi “patrly free” quanto a libertà di stampa. Gli sento dire che non è vero, che in Italia non c’è poca libertà di stampa, anzi ce n’è fin troppa.

Fin troppa.

La si può mettere come si vuole: che sia una chiara e lucida posizione politica, che sia una dichiarazione programmatica, che sia un lapsus rivelatore di una profonda convinzione, che sia una mera battuta di spirito, che sia il frutto dell’incapacità di spiegare esattamente cosa si intedeva dire.

Rimane in ogni caso una cosa totalmente inaccettabile.

Io a quest’uomo non affiderei neanche l’imbiancatura della mia cucina.

aggiornamento.
Vedo che non sono il solo ad essere saltato sulla sedia. E meno male.

Chi li ha visti?

2 maggio 2010

Tempo fa ascoltavo la radio in cuffia a notte fonda.

Io, oltre ad ascoltare la radio per strada (tipo autoradio, ma a piedi) ascolto spesso la radio anche prima di addormentarmi (tipo ninna nanna).

Beh, ascoltavo radio due rai in cuffia a notte fonda, e mi sono imbattuto in questo programma, “Effetto notte” condotto da Lorenzo Scoles e Valentina Cidda.

Lorenzo Scoles lo ricordavo dai tempi di “Atlantis”, un bel programma di parecchi anni fa condotto da quella che considero una della voci più piacevoli della radiofonia. Valentina Cidda non la conoscevo.

“Effetto notte” mi è piaciuto. Niente di rivoluzionario, però fatto bene. Ogni sera un tema esplorato attraverso film e musica. Ogni sera un ospite ascoltato a lungo. I soliti sms dagli ascoltatori ma nessuna telefonata. E il tutto molto rilassato, con i tempi dilatati che solo di notte la radio si può permettere.

Ho iniziato a scaricarmi i podcast e ad ascoltarmeli uno ad uno.

Poi, una notte, risintonizzo la radio e sento parlare Riccardo Pandolfi e Elena Di Cioccio. Penso “forse fanno a turno, o forse mi ricordavo male l’orario”. Ma Lorenzo Scoles e Valentina Cidda non sono più tornati.

Oggi sono andato a vedere sul sito di radio due rai e scopro che “Effetto notte” adesso è condotto da Pandolfi e Di Cioccio. Della vecchia conduzione, nessuna traccia. Non un comunicato stampa che spieghi l’avvicendamento. Cercando “Scoles” nel motore di ricerca interno del sito di radio due rai non si trova nulla (“Forse cercavi: scholes”). Idem cercando “Cidda” (“Forse cercavi: cina”). Unica testimonianza della vecchia conduzione, la pagina cache del sito del programma, da cui si vede che il testo è rimasto lo stesso: hanno cambiato solo fotografie e nomi. Cercando ancora nel Web scopro che il programma era stato ideato e scritto da Valentina Cidda che inizialmente, prima che con Lorenzo Scoles, lo conduceva con Carlo Pastore. Per quanto mi riguarda, meglio Scoles che Pastore.

Resta la domanda:

perchè tutto ciò? L’ennesima novità mucciantiana? I vecchi conduttori avevano di meglio da fare e se ne sono andati? Era previsto fin dall’inizio che il programma passasse di mano?

Non si sa. Fatto sta che io ho perso un altro programma radiofonico che mi piaceva. E l’avevo appena scoperto.