La pandemia che ha ucciso l’informazione

8 novembre 2009

Non so perchè mezzi di informazione e politici siano impazziti con questa storia dell’influenza A.

Dicono tutti che è una semplice influenza, fra l’altro meno aggressiva di quelle stagionali degli anni scorsi.

Però ci parlano del vaccino come se fosse una questione di importanza capitale e urlano la notizia di ogni morte di qualcuno che questa benedetta influenza A se l’era presa (dicendoci solo sottovoce che si trattava di malati gravi per altre patologie, e che l’influenza A o con la morte non c’entrava nulla o era quel soffio di vento che bastava a spegnere un’esistenza già appesa a un filo).

Tutte le ipotesi che mi vengono in mente per spiegarmi il fenomeno sono poco edificanti.

a) ai politici generare paure su questioni inesistenti fa molto comodo perchè serve a sviare l’attenzione da altri problemi esistenti

b) ai politici generare paure su cose insussistenti permette di adottare provvedimenti inutili e di presentarsi come salvatori della patria dato che in effetti il pericolo (inesistente) non si è realizzato

c) ai giornalisti generare paura fa comodo perchè spinge i lettori a comprare i giornali per essere sempre aggiornati su un pericolo che non esiste

d) alle case farmaceutiche generare ansia fa comodo perchè così possono vendere vagonate di vaccini a caro prezzo perchè bisogna affrontare emergenze inesistenti

eccetera

Da qualche parte ci saranno anche delle ragioni giuste e fondate, ma io proprio non riesco a trovarle.

Spero solo che un giorno, quando tutto sarà passato, non ci dimenticheremo di quello che è successo ma ci guarderemo indietro per studiare, ormai distaccati grazie al passare del tempo, questo corto circuito perverso della comunicazione che ha fomentato, nell’epoca della scienza e della comunicazione interplanetaria, una paura irrazionale che neanche nell’anno mille. Per cercare di non sbagliare più. Almeno non in questo modo così scemo.

Ceterum censeo Silvium Berlusconi esse destituendum

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: