Esso è morto e anche per loro sono parecchio preoccupato

19 dicembre 2008

Esso era lì lì per andarsene già quando facevo le elementari, e quindi nella mia vita di adulto non ne ho sentito più di tanto la mancanza. Secondo il dizionario Garzanti è un "pron. pers. m. di terza pers. sing. che nelle forme del sing. si riferisce propriamente ad animale o cosa (per le persone si usa egli o lui, ella o lei), nelle forme del pl. anche a persone". Tutto sommato se ne poteva fare a meno, e infatti nessun pronome ha preso il suo posto; semplicemente nelle frasi in cui si usava è rimasto sottinteso.
Esso mi è venuto in mente di recente perchè si sta consumando la sparizione di altri due pronomi: "gli" sta abusivamente soppiantando "a loro" e "le".
"Ho telefonato ai miei genitori e gli ho detto che sarei passato nel pomeriggio". "Ho visto la mia vicina e gli ho restituito lo snocciolaolive".
Questa volta però non si tratta della morte naturale di un pronome non più al passo coi tempi, è invece un’aggressione vera e propria: è la moneta cattiva che scaccia la buona.
Non c’è una ragione al mondo perchè lei e loro non debbano avere un dativo come tutti gli altri pronomi. Ma soprattutto non c’è una ragione per cui lei e loro debbano prendere il dativo di lui.
Ancora ancora passi per "gli" al posto di "a loro", ma ogni volta che sento "gli" al posto di "le" mi vedo immdiatamente la lei di cui si parla che si fa spuntare dei folti baffoni neri ed un vistoso pacco sotto la cintura.
La parola è musica, e chi parla male ed in maniera disordinata pensa male ed in maniera disordinata.
Parafrasando qualcuno (che parafrasava qualcun altro), avrei voluto concludere scrivendo "ogni volta che qualcuno dice gli anzichè le, a un accademico della crusca spunta una verruca", perchè mi immaginavo questi strenui difensori della lingua asserragliati a difendersi, armati solo di pergamene, penne d’oca e dotti volumi, dall’assedio delle torme della sciatteria.
Poi ho letto questo e quello che era un’accorata metafora per un momento si è  trasformato in un maligno augurio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: